S.O.S SOSTEGNO
Frida, 2002, di Julie Taymor 5976_110
su SOS SOSTEGNO.



Il sito è completamente GRATUITO e accessibile a tutti, iscriviti e unisciti a noi!!!!
Grazie della visita.


Frida, 2002, di Julie Taymor 66888

Unisciti al forum, è facile e veloce

S.O.S SOSTEGNO
Frida, 2002, di Julie Taymor 5976_110
su SOS SOSTEGNO.



Il sito è completamente GRATUITO e accessibile a tutti, iscriviti e unisciti a noi!!!!
Grazie della visita.


Frida, 2002, di Julie Taymor 66888
S.O.S SOSTEGNO
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Settembre 2022
LunMarMerGioVenSabDom
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Calendario Calendario

Statistiche
Abbiamo 29686 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Maria0

I nostri utenti hanno pubblicato un totale di 18603 messaggi in 3281 argomenti

Frida, 2002, di Julie Taymor

Andare in basso

Frida, 2002, di Julie Taymor Empty Frida, 2002, di Julie Taymor

Messaggio Da guardian angel Ven Set 30, 2011 4:09 pm

Il film narra le vicende della vita della famosa pittrice messicana Frida Kahlo con particolare riferimento alla burrascosa relazione con il marito Diego Rivera, anche lui pittore, e al circolo di amici e amanti frequentato dalla coppia tra cui figurano alcuni dei maggiori esponenti della politica e della cultura dell'epoca. Bisessuale, comunista e affetta da una grave menomazione alle gambe dovuta alla poliomelite di cui aveva sofferto da bambina e a un grave incidente. Frida muore a soli 47 anni per abuso di droga e alcool.



alcune delle sue opere:



Frida
La vita della pittrice messicana Frida Khalo, viene portata sul grande schermo da Julie Taymor ("Titus") in un film colorato, ed a volte surreale, come i quadri della stessa artista.
A vestire i panni di Frida troviamo una Salma Hayek ("Wild Wild West") totalmente dedita al personaggio. Dall'incidente che ha segnato la sua vita, ripercorriamo le tappe della tumultusa storia d'amore con Diego Riveira (Alfred Molina / "Chocolat"), all'insegna della "coppia aperta". Diego, artista affermato in Messico, sarà il primo a scoprire il talento della sua giovane sposa ed a indirizzarla sulla via del'arte. Ma, come Frida ha capito fin dal primo momento, non si può possedere totalmente un uomo come lui, che rimane comunque un impenitente donnaiolo e così ambedue decidono di non scandalizzarsi per qualche "scappatella", tanto più che la stessa Frida è bisessuale.
La loro storia continua anche quando si trasferiscono a "gringolandia" (in America) dove Diego ha ricevuto un'importante commessa da Rockfeller (Edward Norton / "The Score"). Proprio qui scopre di aspettare un bambino, che in seguito perderà insieme alla commessa di Diego che si è rifiutato di modificare un particolare del suo affresco, iniziando la parabola discendente che li porta alla separazione in seguito all'ennesimo tradimento.
Frida rimane, quindi, affascinata dalla personalità di Trotsky (Goeffry Rush / "Lantana"), esule dalla Russia di Stalin, con il quale intreccia una relazione.
Ma la vita del'artista rimane comunque minata dal suo incidente, le numerose operazioni l'hanno debilitata, la cancrena le ha portato via una gamba e le infezioni si succedono senza sosta, ma la voglia di dipingere resta inattacabile fino alla sua morte.

Frida, oggi considerata forse la più importante pittrice moderna, è rimasta sconosciuta fuori dal Messico fino alla metà degli anni ottanta. Le sue opere particolarmente crude e realistiche sono totalmente dominate dai suoi sentimenti e dal trauma dell'incidente (con tutte le sue ripercussioni). La realizzazione del film è stata effettuata con il patrocinio dello speciale fondo istituito in suo nome in Messico, ed infatti la pellicola ne ha sicuramente beneficiato, avendo potuto girare direttamente sul luogo invece che in studio. Il risultato finale è sicuramente convincente anche se forse lo è meno l'interpretazione della Hayek, che, sfruttando una certa rassomiglianza fisica, riesce anche ad essere volitiva come la vera Frida, ma spesso si "dimentica" di essere storpia. C'è comunque da considerare che l'attrice messicana è circondata da una serie di mostri sacri che farebbero impallidire chiunque.

Molto particolari, ed apprezzabili, gli inserti allegorici che la Taymor inserisce in alcuni momenti della pellicola a sottolineare situazioni chiave della vita di Frida, come anche la presenza dei quadri della stessa pittrice, l'uso del bianco e nero in alcune scene fuori dal Messico ed il "filmino di presentazione" dell'America, con Diego nelle vesti di King Kong (indimenticabile).
Nel complesso un film fresco ed interessante.
La frase:
"Cosa è importante in un matrimonio?"
"La memoria corta!"
La chicca: l'incredibile tango tra Frida e Tina (Ashley Judd) rimane come una delle scene indimenticabili.
Valerio Salvi (Fonte: FilmUp)



_________________
".. la primavera, tarda ad arrivare.. " Frida, 2002, di Julie Taymor 2829010660
Franco Battiato
guardian angel
guardian angel
Millenium member
Millenium member

Numero di messaggi : 3720
Data d'iscrizione : 29.09.10
Località : Toscana

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.