S.O.S SOSTEGNO

su SOS SOSTEGNO.



Il sito è completamente GRATUITO e accessibile a tutti, iscriviti e unisciti a noi!!!!
Grazie della visita.


Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Mag 2018
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Calendario Calendario

Statistiche
Abbiamo 27735 membri registrati
L'ultimo utente registrato è chiaramini@yahoo.it

I nostri membri hanno inviato un totale di 18534 messaggi in 3250 argomenti

Angelo Branduardi - "Domenica e Lunedì", live 1996

Andare in basso

Angelo Branduardi - "Domenica e Lunedì", live 1996

Messaggio Da guardian angel il Mar Dic 06, 2011 2:06 pm



Domenica e lunedì è il titolo di un album del 1994 di Angelo Branduardi.
Al contrario degli album precedenti in questo disco i testi vengono affidati oltre che a Luisa Zappa anche ad altri esponenti della musica leggera italiana. La strofa iniziale del brano di apertura è una breve poesia regalata a Branduardi da Franco Fortini; il testo è stato poi sviluppato dallo stesso Branduardi[1] e da Luisa Zappa.
(Fonte: Wikipedia)

A. Brandardi/L. Zappa Banduardi

No, non perdetelo il tempo ragazzi,
non è poi tanto quanto si crede;
date anche molto a chi ve lo chiede,
dopo domenica è lunedì.
Vanno le nuvole coi giorni di ieri,
guardale bene e saprai chi eri;
lasciala andare la gioia che hai,
un giorno forse la ritroverai.
Camminano le ore,
non si fermano i minuti;
se ne va,
è la vita che se ne va;
se ne va,
di domani nessuno lo sa.
Dopo domenica è lunedì.
No, non perdiamolo il tempo ragazzi,
non è poi tanto quanto pensate;
dopo l'inverno arriva l'estate
e di domani nessuno lo sa.
Camminano le ore,
non si fermano i minuti;
se ne va,
è la vita che se va;
se ne va,
dura solo il tempo di un gioco;
se ne va,
non sprecatela in sogni da poco;
Se ne va,
di domani nessuno lo sa.
Non si fermano i minuti,
dopo domenica è lunedì.
Camminano le ore
ed il tempo se ne va;
non si fermano i minuti,
di domani nessuno lo sa.
Dopo domenica è lunedì.
No, non perdetelo il tempo ragazzi,
non è poi tanto quanto si crede;
non è da tutti catturare la vita,
non disprezzate chi non ce la fa.
Vanno le nuvole coi giorni di ieri,
guardale bene e saprai chi eri;
è così fragile la giovinezza,
non consumatela nella tristezza.
Dopo domenica è Lunedì...

Notizie ed opere del Menestrello d'oltre Po, a cura di Claudio Fabretti:
http://www.ondarock.it/italia/angelobranduardi.htm

_________________
".. la primavera, tarda ad arrivare.. "
Franco Battiato
avatar
guardian angel
Millenium member
Millenium member

Numero di messaggi : 3720
Data d'iscrizione : 29.09.10
Località : Toscana

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

"Confessioni di un malandrino" di Angelo Branduardi, 1975

Messaggio Da guardian angel il Mar Dic 06, 2011 2:24 pm

e poi questo brano stupendo (poesia) che narra di ricordi e di relazioni del passato:



"Confessioni di un malandrino" è una canzone del 1975 cantata da Angelo Branduardi, contenuta nel suo secondo album La luna. Il testo è frutto di una traduzione e adattamento dello slavista Renato Poggioli (su musica dello stesso Branduardi) di una poesia del 1920 del poeta russo Sergej Esenin, intitolata Confessioni di un teppista (in russo Исповедь хулигана)
Il brano è stato ripubblicato nel 1980 nell'album Gulliver, la luna e altri disegni ed è contenuta nelle raccolte Collezione (1986)[1], Confessioni di un malandrino. Il meglio di Angelo Branduardi (1991) in versione remixata, Best Of (1992), Confesiones de un malandrin (1993) cantata in spagnolo, Studio Collection (1998), The Platinum Collection (2005).
Il rapper Caparezza nel suo primo album duetta con Angelo Branduardi nel singolo La fitta sassaiola dell'ingiuria, il cui ritornello è una campionatura di una strofa di Confessioni di un malandrino.
(Fonte: Wikipedia)


Accordi e testo

MI- SOL RE SOL SI7

Mi piace spettinato camminare col capo sulle spalle come un lume

MI- SOL DO SI7 MI-

così mi diverto a rischiarare il vostro autunno senza piume

SOL RE DO SI7

mi piace che mi grandini sul viso la fitta sassaiola dell'ingiuria

MI- SOL DO SI7 MI-

mi agguanto solo per sentirmi vivo, al guscio della mia capigliatura...

SOL RE SOL SI7

ed in mente mi torna quello stagno che le canne e il muschio hanno sommerso

MI- SOL DO SI7 MI-

ed i miei che non sanno di avere un figlio che compone versi

SOL RE DO SI7

ma mi vogliono bene come ai campi, alla pelle ed alla pioggia di stagione

MI- SOL DO SI7 MI-

raro sarà… che chi mi offende scampi alla punta del forcone.

MI LA- RE SOL

Poveri genitori contadini, certo siete invecchiati e ancor temete

SI7 MI- DO SI7

il Signore del cielo e gli acquitrini, genitori che mai non capirete

MI LA- RE SOL

che oggi il vostro figliolo è diventato il primo fra i poeti del paese

SI7 MI- DO SI7 MI-

ed ora in scarpe verniciate e col cilindro in testa egli cammina...

MI- SOL RE SOL SI7

ma sopravvive in lui la frenesia, di un vecchio mariuolo di campagna

MI- SOL DO SI7 MI-

ad ogni insegna di macelleria, alla vacca si inchina sua compagna

SOL RE DO SI7

e quando incontra un vetturino, gli torna in mente il suo concio Natale

MI- SOL DO SI7 MI-

e vorrebbe la coda del ronzino, regger come strascico nuziale.

SOL RE SOL SI7

Voglio bene alla patria, benchè afflitta di tronchi rugginosi

MI- SOL DO SI7 MI-

m'è caro il grugno sporco dei suini e i rospi all'ombra sospirosi

SOL RE DO SI7

son malato d'infanzia e di ricordi e di freschi crepuscoli d'aprile

MI- SOL DO SI7 MI-

sembra quasi che l'acero si curvi per riscaldarsi e poi dormire.

MI LA- RE SOL

Dal nido di quell'albero le uova, per rubare salivo fino in cima

SI7 MI- DO SI7

ma sarà… la sua chioma sempre nuova e dura la sua scorza come prima?

MI LA- RE SOL

e tu mio caro amico vecchio cane, fioco e cieco ti ha reso la vecchiaia

SI7 MI- DO SI7 MI-

e giri a coda bassa nel cortile, ignaro delle porte e dei granai.

MI- SOL RE SOL SI7

Mi sono cari i miei furti di monello quando rubavo in casa un po' di pane

MI- SOL DO SI7 MI-

e si mangiava come due fratelli, una briciola l'uomo ed una il cane.



_________________
".. la primavera, tarda ad arrivare.. "
Franco Battiato
avatar
guardian angel
Millenium member
Millenium member

Numero di messaggi : 3720
Data d'iscrizione : 29.09.10
Località : Toscana

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum