S.O.S SOSTEGNO

su SOS SOSTEGNO.



Il sito è completamente GRATUITO e accessibile a tutti, iscriviti e unisciti a noi!!!!
Grazie della visita.


Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Dicembre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Calendario Calendario

Statistiche
Abbiamo 28263 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Paola@

I nostri membri hanno inviato un totale di 18547 messaggi in 3257 argomenti

Pluriminorazione

Andare in basso

Pluriminorazione

Messaggio Da artaudisse il Mar Ott 17, 2017 6:25 pm

Sono un'insegnante di sostegno alla scuola primaria e attualmente sto seguendo dalla classe terza un ragazzo non vedente ora inserito in classe quinta.
Il ragazzo ha 12 anni e presenta evidenti disturbi dello spettro autistico, segnalati nella diagnosi sotto forma di altre diciture; presenta inoltre delle problematiche piuttosto serie nella motricità grossolana e fine e quest'ultima caratteristica ha sempre costituito un ostacolo per l'apprendimento della lettoscrittura in Braille (che sta imparando solo ora); tuttavia grazie alla tifloinformatica il mio alunno oggi riesce a scrivere in modo abbastanza corretto e ascolta i testi con sintesi vocale.
Il PEI è stato differenziato e semplificato in molte aree, in particolare per quanto riguarda la didattica della matematica.
Nelle classi prima e seconda, con due insegnanti di sostegno diverse, il bambino ha seguito un programma molto simile a quello dei compagni di classe ed ha utilizzato prevalentemente l'abaco per il calcolo; in classe terza ho riscontrato però una scarsa acquisizione dei concetti di grandezza e di valore posizionale delle cifre a e un uso piuttosto meccanico dello strumento, che con molti dubbi ho deciso di abbandonare pur essendo indicato nei casi di deficit visivi.
Attualmente ho ripreso l'abaco per riproporre il passaggio da unità decina e da decina a centinaio ma con scarso successo.
Una difficoltà ancora maggiore è stata rilevata nella geometria e nella definizione del concetto di misura; il ragazzo inoltre non sembra essere in grado di seguire un percorso con il dito indice e quindi di riconoscere forme geometriche né di percepire l'ampiezza di angoli.
Nel tentativo di proporre le frazioni lo scorso anno ho anche notato che la terminologia usata costituiva un ulteriore scoglio (la parola "terzo/i" presenta un doppio significato).
Nei GLH di questi anni si è parlato più volte di questi problemi e la neuropsichiatra mi ha anche accennato che avrebbe tentato di svolgere un test per valutare le abilità di calcolo, ma non è mai accaduto. Mi è stato consigliato di proporre soprattutto problemi con le due operazioni padroneggiate (addizione e sottrazione).
In questo momento ho molti dubbi su come proseguire con il percorso
intrapreso.


artaudisse
Nuovo member
Nuovo member

Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 30.05.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum