S.O.S SOSTEGNO

su SOS SOSTEGNO.



Il sito è completamente GRATUITO e accessibile a tutti, iscriviti e unisciti a noi!!!!
Grazie della visita.


Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Novembre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Calendario Calendario

Statistiche
Abbiamo 28111 membri registrati
L'ultimo utente registrato è MAMUELA

I nostri membri hanno inviato un totale di 18541 messaggi in 3254 argomenti

"White Oleander " di Peter Kosminsky, 2002

Andare in basso

"White Oleander " di Peter Kosminsky, 2002

Messaggio Da guardian angel il Ven Dic 09, 2011 9:20 pm

White Oleander è un film del 2002 diretto da Peter Kosminsky, tratto dal romanzo di Janet Fitch.
White Oleander, USA, 2002
di Peter Kosminsky, con Alison Lohman, Robin Wright Penn, Michelle Pfeiffer, Reneé Zellweger

La premessa di White Oleander è intrigante: il delicato congedo dalla fase adolescenziale della giovane Astrid Magnusson (Alison Lohman), turbato ed ostacolato dalla disorientante filosofia di una madre, l’artista Ingrid (Michelle Pfeiffer), orgogliosamente austera, pura e purista, autenticamente sincera fino all’ambigutià, tenacemente in conflitto con il prossimo ma soprattutto con se stessa. Lo svolgimento narrativo è altrettanto interessante : ancora minorenne Astrid è stordita dall’indecifrabilità e dalle idiosincrasie comportamentali di Ingrid che, offesa da un tradimento, uccide il suo compagno per “legittima difesa”, avvelenandolo con il veleno estratto dal fiore dell’Oleandro Bianco. Il conseguente arresto della madre mette a dura a prova il già fragile equilibrio della ragazza, subito affidata alle cure dello stato. Seguono una serie di affidamenti a disparati focolai famigliari in cui Astrid ha modo di confrontarsi, e in qualche modo affezionarsi, a figure femminili dissimili, aggrappandosi ai particolari aspetti di ciascuna di esse che più colmano (o almeno dovrebbero) le consistenti lacune lasciate da Ingrid : in Starr (Robin Wright Penn) – moglie fin troppo insicura e madre irresponsabile – l’attaccamento alla fede e ai valori, e in Claire (Renée Zellweger), attrice principiante debole per problemi coniugali, l’affetto e la dolcezza. Ma nessuno di questi rapporti è destinato a durare – anche per merito di Ingrid, che dal carcere persiste nel plagiare e disorientare la figlia – e Astrid è costretta a definirsi a modo suo a costo di rifiutare il sentimento di un adolescente compagno di sventure e di affidarsi volontariamente alle ‘cure’ di una tutrice poco raccomandabile (Svetlana Efremova); anche da quest’ultima la giovane ricaverà però importanti lezioni : la stima incondizionata e lo sprono all’autodeterminazione. Lezioni che in qualche modo la aiuteranno ad imporsi infine alla madre, aprendo uno squarcio comunicativo che si rivelerà la chiave per la sua conclusiva presa di coscienza e formazione.....
(Fonte: http://www.offscreen.it/rece/whiteoleander.htm )

(Nota: Qui la visione in lingua originale e le prime scene, a mio parere le più belle in assoluto.. )
https://www.youtube.com/watch?v=i-PpLxeL0qk&feature=BFa&list=PLFE62F438EE7F53BF&lf=rellist

Alcune scene dal film, purtroppo non ho trovato di meglio..