S.O.S SOSTEGNO

su SOS SOSTEGNO.



Il sito è completamente GRATUITO e accessibile a tutti, iscriviti e unisciti a noi!!!!
Grazie della visita.


Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Pluriminorazione
Oggi alle 6:25 pm Da artaudisse

» compilazione del PEI secondo ICF-CY
Ven Ott 06, 2017 11:11 pm Da Papillon_65

» 2 insegnanti di sostegno sullo stesso ragazzo
Mar Ott 03, 2017 8:03 pm Da alfred2

» concorso nazionale "L'adozione fra i banchi di scuola" - quarta edizione
Dom Set 10, 2017 1:35 pm Da francika

» l' ACCENTO
Mer Ago 23, 2017 5:26 am Da Maestra Gabriella

» analisi logica
Lun Giu 19, 2017 1:00 pm Da moluna

» prove equipollenti
Dom Giu 04, 2017 5:59 pm Da bebeg

» Docenti referenti per l'Adozione cercasi!
Lun Mag 29, 2017 9:05 pm Da francika

» Ciao a tutti
Gio Mag 25, 2017 7:41 pm Da maria pascale

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Ottobre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Calendario Calendario

Statistiche
Abbiamo 27711 membri registrati
L'ultimo utente registrato è leia-p

I nostri membri hanno inviato un totale di 18531 messaggi in 3248 argomenti

Come posso intervenire su un bambino che mostra disturbi del comportamento oppositivi-provocatori?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Come posso intervenire su un bambino che mostra disturbi del comportamento oppositivi-provocatori?

Messaggio Da isotta80 il Gio Feb 04, 2010 1:37 pm

Ciao, non sono un'insegnate di sostegno ma un'operatrice di un progetto di assistenza domiciliare ai disabili.
Lavoro da maggio 2009 per questo progetto, ma voglio specificare che non sono un'educatrice ma una psicologa, peraltro non specializzata in disabilità e affini.
Per questo sono molto inesperta e sto cercando di imparare dai miei errori. Mi vengono affidati sempre piazenti un po' particolari e impegnativi...Vado al dunque.Attualmente mi sto occupando di un bambino di 11 anni, diciamo che l'ho preso in carico da due settimane.
Ha perso il padre due anni fa e vive con la madre e la sorella.
E’ in grado di dire poche sillabe: -zia; na; dice ma-ma, la-la per chiamare la sorella ; pipì e ca-cà.
Per dire si fa il cenno col capo, ma non è capace di dire no, e per rispondere negativamente fa una linguaccia spalancando la bocca.
Va in bagno da solo a fare la pipì, si abbassa i pantaloni e gli slip e se li alza ma non è in grado di aggiustarsi bene.
Non lava il viso né le mani autonomamente.
Il problema principale è l’attenzione, ragione per la quale è difficile farsi seguire da lui, soprattutto in presenza di molte persone. Tuttavia quando siamo insieme al centro(la cooperativa per la quale lavoro) è più tranquillo e meno capriccioso di quanto non lo sia a casa, con la madre e la sorella.
Ho notato che quando siamo al centro o fuori casa difficilmente mi tira i capelli o mi toglie gli occhiali.
Il primo giorno a casa è stato difficile farlo uscire, mi guardava suppongo per capire se si poteva fidare di me in base a quanto le madre e la sorella facevano con me. Non è voluto venire con me al bagno a lavarsi le mani e a fare la pipì, ma ha voluto la madre a tutti i costi e mi ha più volte scaraventato gli occhiali a terra.
Dopo mezz’ora siamo riusciti a farlo uscire ma solo sotto le continue promesse che saremmo andati al centro a vedere la psicologa che lavora presso quest'ultimo. Durante il giro il bambino è stato abbastanza tranquillo. Tornato a casa, ha ricominciato a fare i dispetti. Ho notato che è molto agitato quando vede la madre e la sorella.
Ieri pomeriggio sono arrivata, dalla finestra mi aspettava entusiasta e ha già imparato qual è la mia auto. Quando sono entrata lui è stato molto affettuoso e mi ha presentato un amico che era l’ a casa. Continuava a chiamare la sorella che in quel momento non era a casa. Siamo riusciti comunque a uscire da casa presto; la madre aveva fretta perché doveva uscire. il bambino però ha fatto molti capricci in mezzo alla strada, continuava a tornare indietro, io non sapevo più come mantenerlo, poi quando sembrava essersi convinto ha cominciato a indicare la casa di un ragazzo che abita vicino casa sua, anche lui disabile e utente del progetto e mi ha trascinato con lui ; alla fine siamo entrati e siamo rimasti tre ore di questo ragazzo, perché il bambino avrebbe voluto uscire ma insieme a G., cosa che non era possibile, visto il freddo che sta facendo in questi giorni.
Ora , nel caso in cui faccia capricci in mezzo alla strada o in casa di estranei, e non lo riesco a contenere cosa fare?assecondarlo o impuntarmi a costo di fare scenate?
Inoltre…da quel poco che ho visto penso che in queste condizioni sarà difficile farlo lavorare a casa, anche perché parlandone con la madre mi ha fatto capire che secondo lei sarebbe meglio che prima legassi con il figlio. Secondo me invece il bambino deve capire fin dall’inizio cosa deve o non deve fare con me, perché temo che se si non si fa così, si crei uan situazione ambigua nella quale il mio ruolo come al solito viene sminuito.
Cosa fare?
Crying or Very sad Crying or Very sad


Ultima modifica di leterbuck il Sab Ott 29, 2011 4:57 pm, modificato 1 volta (Motivazione : ampliato il titolo)

isotta80
Nuovo member
Nuovo member

Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 01.02.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Come posso intervenire su un bambino che mostra disturbi del comportamento oppositivi-provocatori?

Messaggio Da mori61 il Dom Mar 07, 2010 7:26 pm

ciao,
io lavoro da 8 anni con una ragazza che ha ritardi e disturbi dell'attenzione e comportamentali.
Non è facile lavorare con questi bambini ma quello che ho imparato in questi anni è che i rinforzi positivi sono molto importanti per diminuire gli atteggiamenti sbagliati.
Sarebbe molto importante riuscire a lavorare assieme alla famiglia, cercando di concordare con la mamma un metodo di lavoro che sia uguale.
Non so se il ragazzino è autistico ma in questo periodo ho visto utilizzare il metodo ABA, che tra l'altro a breve dovrò imparare per seguire un bimbo di tre anni, ma mi sembra molto indicato per aiutare a modificare i comportamenti non corretti.
Lavorano molto con i rinforzi positivi che con il tempo vengono diminiuti.
Non so se riesci a creare con il bimbo un cartellone su cui inserire le faccine sorridenti o tristi a secondo del suo comportamento e di concordare con lui un premio (inizialmente con cose che a lui piacciono molto es.cibi, giochi,film ecc)puoi trovare qualcosa di simile su filastrocche.it,. Questo è quello che mi viene da suggerirti, spero ti possa essere utile. fammi sapere. Ciao Mori61

mori61
Nuovo member
Nuovo member

Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 07.11.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum