S.O.S SOSTEGNO

su SOS SOSTEGNO.



Il sito è completamente GRATUITO e accessibile a tutti, iscriviti e unisciti a noi!!!!
Grazie della visita.


Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» PEI gravi problemi di linguaggio Prima elementare
Sab Nov 18, 2017 7:01 pm Da framon

» Pluriminorazione
Mar Ott 17, 2017 6:25 pm Da artaudisse

» compilazione del PEI secondo ICF-CY
Ven Ott 06, 2017 11:11 pm Da Papillon_65

» 2 insegnanti di sostegno sullo stesso ragazzo
Mar Ott 03, 2017 8:03 pm Da alfred2

» concorso nazionale "L'adozione fra i banchi di scuola" - quarta edizione
Dom Set 10, 2017 1:35 pm Da francika

» l' ACCENTO
Mer Ago 23, 2017 5:26 am Da Maestra Gabriella

» analisi logica
Lun Giu 19, 2017 1:00 pm Da moluna

» prove equipollenti
Dom Giu 04, 2017 5:59 pm Da bebeg

» Docenti referenti per l'Adozione cercasi!
Lun Mag 29, 2017 9:05 pm Da francika

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Novembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Calendario Calendario

Statistiche
Abbiamo 27711 membri registrati
L'ultimo utente registrato è leia-p

I nostri membri hanno inviato un totale di 18532 messaggi in 3249 argomenti

come viene considerata l'insegnante di sostegno?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

come viene considerata l'insegnante di sostegno?

Messaggio Da maestraSOS il Ven Ott 18, 2013 2:29 pm

Ciao a tutti/e,
questo piccolo angolo in cui sfogarsi è molto importante per me e colgo l'occasione per ringraziare le persone che lo hanno messo a disposizione!
Quest'anno mi trovo a lavorare in una scuola in cui le insegnanti di sostegno (vecchie e nuove) non sono considerate positivamente, una scuola forse un pò retrogada ma di città. A partire dal Preside che ci saluta con un "ciao" (una volta persino "ciao bella") invece che con un "buongiorno" (diversamente da quanto fa con le colleghe di posto comune), per poi passare alle colleghe che ci lasciano le ore intere da sole in classe, mentre loro vanno a passeggio chissà dove, oppure stanno fuori la porta a chiacchierare e sparlare. Persino la referente del sostegno (insegnante di matematica) ci tratta come delle sguattere e un giorno ho persino sentito che diceva ad una collega: "tanto queste del sostegno sono tutte uguali! è inutile che ti lamenti della tua!". Per non parlare dei genitori che nemmeno ti salutano e dei bambini che quando entrano in classe salutano solo la maestra di posto comune. Dopo tanti anni di studio e di esperienza mi sento davvero amareggiata, umiliata e arrabbiata nel vedere quotidianamente questi comportamenti. Ritengo di lavorare come ogni altra insegnante, sono laureata, specializzata e pluriabilitata, mi sforzo per fare il mio lavoro al meglio, studio e mi informo costantemente sulla mia professione e sulle problematiche dei miei alunni. Perchè siamo trattate così?
Fin dal primo giorno tutte le colleghe e il Preside mi hanno impedito di strutturare un orario che tenesse conto delle problematiche dell'alunna, ognuno ha messo mano alle mie ore riempendomi di ore buco (che loro non hanno) e dicendomi che io "devo servire a loro", "devo coprire i pomeriggi", "non devo stare nè a mensa nè a ricreazione". Invece l'AEC non ha ore buco, non serve l'insegnante e viene trattato come una di loro. Io lo trovo vergognoso tutto questo e trovo vergognoso anche che mi chiedano cose assurde che competono ai collaboratori scolastici. Mi ribello sempre a tutto ciò e cerco di parlarne anche con le altre colleghe di sostegno che pure sono trattate così ma che mi sembrano solo lamentarsi e mai agire praticamente. Sono giunta alla conclusione che "il pesce puzza dalla testa" e ormai ottengo solo un incremento delle azioni negative, ostilità e occhiatacce. Cosa devo fare? Sperare solo che passi in fretta l'anno? Io non ci sto!
Scusate per lo sfogo ma so che mi capirete e spero possiate darmi dei suggerimenti.

maestraSOS
Member
Member

Numero di messaggi : 46
Data d'iscrizione : 04.07.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: come viene considerata l'insegnante di sostegno?

Messaggio Da guardian angel il Ven Ott 18, 2013 7:35 pm

Shocked .. direi che ci sono tutti gli elementi per chiedere al più presto il trasferimento ad altro istituto.. cos'altro puoi fare? Shocked 

_________________
".. la primavera, tarda ad arrivare.. "
Franco Battiato
avatar
guardian angel
Millenium member
Millenium member

Numero di messaggi : 3720
Data d'iscrizione : 29.09.10
Località : Toscana

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: come viene considerata l'insegnante di sostegno?

Messaggio Da nicasettanni il Lun Dic 09, 2013 1:50 pm

Cara maestra SOS, ti capisco benissimo e ti sono vicina...
A tal proposito vorrei trovare una lettera, poesia, qlcs da regalare per Natale ai miei Cari Colleghi, che parli dell'indifferenza dei docenti nei confronti dei bambini diversamente abili perché, a volte, i Colleghi pensano che qst bambini siano elemento di disturbo, intralcio al loro lavoro perfetto...Vorrei colpirli nell'animo e far si che si rendano conto di quanto poco insegnanti ed educatori siano...e di quanto perdano in ricchezza e crescita!
Grazie per lo sfogo!!

nicasettanni
Member
Member

Numero di messaggi : 17
Data d'iscrizione : 03.11.11
Età : 39

Vedi il profilo dell'utente http://nicasettanni@alice.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: come viene considerata l'insegnante di sostegno?

Messaggio Da Meri Meri il Sab Feb 22, 2014 6:27 pm

Mi dispiace ma forse questo deriva dal fatto che molti fanno questo lavoro per ripiego e che quelli che lavorano seriamente sono pochi. C'è chi va in classe con il tablet e si fa gli affari suoi. ..c'è chi si mette in compresenza con l'educatrice...chi non riesci a trovare in tutto l'istituto. ..lo dico con amarezza, ma è così
avatar
Meri Meri
Member
Member

Numero di messaggi : 71
Data d'iscrizione : 20.04.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: come viene considerata l'insegnante di sostegno?

Messaggio Da Aury il Dom Feb 23, 2014 6:53 pm

 Sad 
maestraSOS ha scritto:Ciao a tutti/e,
questo piccolo angolo in cui sfogarsi è molto importante per me e colgo l'occasione per ringraziare le persone che lo hanno messo a disposizione!
Quest'anno mi trovo a lavorare in una scuola in cui le insegnanti di sostegno (vecchie e nuove) non sono considerate positivamente, una scuola forse un pò retrogada ma di città. A partire dal Preside che ci saluta con un "ciao" (una volta persino "ciao bella") invece che con un "buongiorno" (diversamente da quanto fa con le colleghe di posto comune), per poi passare alle colleghe che ci lasciano le ore intere da sole in classe, mentre loro vanno a passeggio chissà dove, oppure stanno fuori la porta a chiacchierare e sparlare. Persino la referente del sostegno (insegnante di matematica) ci tratta come delle sguattere e un giorno ho persino sentito che diceva ad una collega: "tanto queste del sostegno sono tutte uguali! è inutile che ti lamenti della tua!". Per non parlare dei genitori che nemmeno ti salutano e dei bambini che quando entrano in classe salutano solo la maestra di posto comune. Dopo tanti anni di studio e di esperienza mi sento davvero amareggiata, umiliata e arrabbiata nel vedere quotidianamente questi comportamenti. Ritengo di lavorare  come ogni altra insegnante, sono laureata, specializzata e pluriabilitata, mi sforzo per fare il mio lavoro al meglio, studio e mi informo costantemente sulla mia professione e sulle problematiche dei miei alunni. Perchè siamo trattate così?
Fin dal primo giorno tutte le colleghe e il Preside mi hanno impedito di strutturare un orario che tenesse conto delle problematiche dell'alunna, ognuno ha messo mano alle mie ore riempendomi di ore buco (che loro non hanno) e dicendomi che io "devo servire a loro", "devo coprire i pomeriggi", "non devo stare nè a mensa nè a ricreazione". Invece l'AEC non ha ore buco, non serve l'insegnante e viene trattato come una di loro. Io lo trovo vergognoso tutto questo e trovo vergognoso anche che mi chiedano cose assurde che competono ai collaboratori scolastici. Mi ribello sempre a tutto ciò e cerco di parlarne anche con le altre colleghe di sostegno che pure sono trattate così ma che mi sembrano solo lamentarsi e mai agire praticamente. Sono giunta alla conclusione che "il pesce puzza dalla testa" e ormai ottengo solo un incremento delle azioni negative, ostilità e occhiatacce. Cosa devo fare? Sperare solo che passi in fretta l'anno? Io non ci sto!
Scusate per lo sfogo ma so che mi capirete e spero possiate darmi dei suggerimenti.

Aury
Nuovo member
Nuovo member

Numero di messaggi : 3
Data d'iscrizione : 15.09.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: come viene considerata l'insegnante di sostegno?

Messaggio Da SARTORE il Gio Apr 03, 2014 5:24 pm

Ciao! Capisco perfettamente il tuo sfogo e la tua amarezza...Anch'io sono un'insegnante di sostegno specializzata e lavoro con i bambini disabili da parecchi anni, non per ripiego ma per scelta. Amo la mia professione, ogni progresso fatto dai bimbi che seguo è per me fonte di grande soddisfazione... Hai ragione, ci sono titolari di classe che snobbano il nostro lavoro, sono le stesse persone che temono la diversità, che hanno paura di tutto ciò che può destabilizzare il loro piccolo mondo fatto di fittizie sicurezze. La diversità spaventa, soprattutto coloro che hanno una visione ristretta della vita. Quando ti senti isolata, non considerata dal dirigente e dalle colleghe, dai genitori e dai compagni di classe del bambino che segui pensa questo:  lo stato di emarginazione che percepisci non è indirizzato a te come persona ma a chi in quel contesto rappresenti cioè il bambino in difficoltà. Questa consapevolezza mi ha aiutata nei momenti peggiori, ha fatto sì che entrassi in maggior empatia con l'alunno seguito e in parallelo, non prendendo quegli atteggiamenti sgradevoli sul personale, sono riuscita, almeno in parte, a farmi accettare, e di conseguenza a far accettare il bambino, nel contesto scolastico.
Coraggio, ricorda che il nostro atteggiamento è fondamentale per la buona riuscita dell'inserimento scolastico e per un'effettiva integrazione! P.S è vero, ci sono insegnanti di sostegno che abbassano notevolmente il livello della categoria purtroppo, ma è anche vero che ce ne sono molte altre preparate e motivate. Basta guardare il bicchiere mezzo pieno! Un saluto, ciao!

SARTORE
Nuovo member
Nuovo member

Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 27.03.14
Età : 53
Località : piemonte

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: come viene considerata l'insegnante di sostegno?

Messaggio Da teachermaia il Lun Set 08, 2014 2:58 pm

Maestra sos hai ragione, ma non in tutte le realtà scolastiche è così! Io trovo anche difficoltà a mantenere un certo distacco con i genitori di tutti i bambini che, essendo giovane, tendono sempre a darmi del tu e a salutarmi con Ciao. Purtroppo la mentalità di oggi del tutto veloce-subito-perfetto non aiuta i nostri bambini, e men che meno noi! Teniamo i denti stretti e non molliamo!

teachermaia
Member
Member

Numero di messaggi : 14
Data d'iscrizione : 23.08.13

Vedi il profilo dell'utente http://www.teacher-maia-didatticainpillole.blogspot.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: come viene considerata l'insegnante di sostegno?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum