S.O.S SOSTEGNO

su SOS SOSTEGNO.



Il sito è completamente GRATUITO e accessibile a tutti, iscriviti e unisciti a noi!!!!
Grazie della visita.


Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Marzo 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Calendario Calendario

Statistiche
Abbiamo 27710 membri registrati
L'ultimo utente registrato è antonella2016

I nostri membri hanno inviato un totale di 18518 messaggi in 3240 argomenti

Ancora su mancati interventi precoci

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Ancora su mancati interventi precoci

Messaggio Da mborghese il Lun Feb 25, 2013 10:27 am

Ci risiamo! la storia si ripete (tristemente).
Riporto i contenuti di una mail che ho appena ricevuto nella posta privata, e relativa mia risposta:

Dott. Borghese, sono la mamma di un bambino down di tre anni, che tutti dicono essere intelligente e capace, ben stimolato dalla famiglia ma poi abbandonato da chi ha le competenze per correggere e stimolare correttamente. Mi scuso se sembra che mi stia lamentando ma non so che cosa fare quando mi sento dire queste cose e in particolare che è ancora troppo piccolo per una valutazione logopedica, che basta il lavoro della psicomotricista, la quale ha deciso che da gennaio a giugno non ha bisogno, tanto a scuola fa le stesse cose che farebbe con lui, scuola materna che non ha ancora trovato il tempo di condividere con me il PEI e che quindi non fa poi molto per aiutarlo a parlare. Lei cosa ne pensa? Devo aspettare o devo muovermi per non perdere tempo prezioso?

Mia risposta:

Penso che sia assurdo che ancora oggi si dica di attendere.
Se ci sono stati bambini Down che hanno avuto sviluppi cognitivi, comunicativi, verbali, comportamentali, sociali..., brillanti (e ce ne sono), è proprio perchè non sono state seguite politiche rinunciatarie e attendiste. Diciamolo sinceramente e chiaramente, ma soprattutto a fini costruttivi: il cervello di un bambino con sindrome di Down, è meno sviluppato, e dunque non dovrebbe essere difficile capire che per farlo evolvere più di quanto non gli concedano le sue potenzialità, occorre lavorare più di quanto non si farebbe con un bimbo senza problemi: dunque necessita un superlavoro, precoce, intensivo e competente.
Ritirerei la licenza di lavorare a chi afferma che un bambino sia troppo piccolo per una valutazione logopedica. Comunque, per la precisione, la valutazione è foniatrica, e la terapia è logopedica. In ogni caso, non perda un solo giorno. Il futuro del suo bambino dipenderà soprattutto da quanto riuscirà a farlo lavorare per raggiungere abilità che la sua patologia, almeno potenzialmente, gli preclude.
Massimo Borghese
avatar
mborghese
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 229
Data d'iscrizione : 13.10.09
Età : 60
Località : Napoli Milano Verona Ginevra

Vedere il profilo dell'utente http://www.massimoborghese.it

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum