S.O.S SOSTEGNO

su SOS SOSTEGNO.



Il sito è completamente GRATUITO e accessibile a tutti, iscriviti e unisciti a noi!!!!
Grazie della visita.


Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» analisi logica
Lun Giu 19, 2017 1:00 pm Da moluna

» prove equipollenti
Dom Giu 04, 2017 5:59 pm Da bebeg

» Docenti referenti per l'Adozione cercasi!
Lun Mag 29, 2017 9:05 pm Da francika

» Ciao a tutti
Gio Mag 25, 2017 7:41 pm Da maria pascale

» Esempi di programmazioni per alunni disabili con patologie varie
Dom Apr 30, 2017 8:36 pm Da framon

» L'adozione fra i banchi di scuola- MUDEC 7 maggio 2017
Sab Apr 29, 2017 2:03 pm Da francika

» Alunni Ipovedenti e Ciechi
Mer Apr 12, 2017 5:20 pm Da Maestra Gabriella

» richiesta aula per attività laboratoriali
Gio Gen 19, 2017 3:02 pm Da gnola

» MAPPE : GEOGRAFIA
Dom Dic 11, 2016 7:54 am Da ivana debernardis

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Giugno 2017
LunMarMerGioVenSabDom
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Calendario Calendario

Statistiche
Abbiamo 27711 membri registrati
L'ultimo utente registrato è leia-p

I nostri membri hanno inviato un totale di 18526 messaggi in 3244 argomenti

Come intervenire didatticamente in caso di diagnosi di "disturbo evolutivo specifico misto"?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Come intervenire didatticamente in caso di diagnosi di "disturbo evolutivo specifico misto"?

Messaggio Da martina.g il Mer Dic 07, 2011 4:37 pm

Salve sono un’insegnante di sostegno di scuola dell’infanzia ancora alle prime armi, seguo un bambino con diagnosi di disturbo evolutivo specifico misto. Dai manuali di neuropsichiatria risulta essere un disturbo che coinvolge la sfera cognitiva, motoria e del linguaggio, ma non ho trovato molti approfondimenti su tale problematica. Osservando il bambino in queste prime settimane di lavoro mostra notevoli difficoltà comportamentali, in classe è molto irrequieto, con livelli di attenzione ridotti, si ostina a volere sempre qualcosa alla cui negazione sfocia in violente crisi nervose di difficile gestione; alcune volte riesco nell’intento di “farlo ragionare” giungendo a qualche compromesso, ma il più delle volte è impossibile. Qualsiasi cosa dice di essere sua e pretende di averla subito, pare non conoscere il verbo “aspettare”, come se tutto gli fosse dovuto e nell’immediato, anche perché purtroppo in casa si è soliti accontentarlo senza regole.
In questi casi, dopo tanti tentativi è corretto ignorarlo lasciando che si sfoghi nelle sue crisi di pianto piuttosto che lasciare che l’abbia vinta lui? Come potrei placare questi momenti di crisi, in cui nonostante i tentativi di farlo ragionare pare proprio non ascoltare?
Altro aspetto che mi trova spesso in difficoltà nel gestire, sono i momenti di comunione con i compagni, quando si è soliti fare attività di gruppo tutti insieme in cerchio, i suoi livelli di attenzione sono scarsi e non riesce a stare seduto per molto tempo e cosi si lascia distrarre facilmente sino ad abbondare il gruppo e a vagare per la classe cercando altro da fare e creando anche disturbo agli altri. In questi casi è giusto che si dedichi a qualche altra attività con il mio supporto lontano dal gruppo?
Troppe domande e troppi dubbi scusate ma sono ancora in una fase di assestamento Razz
Quali sezioni del forum mi consigliate di approfondire? ho letto sia ciò che concerne il disturbo dell'attenzione e iperattività, sia il disturbo oppositivo provocatorio, mi pare di riconoscere parecchi tratti comuni. Grazie mille e buon lavoro anche a tutti voi Wink


Ultima modifica di leterbuck il Dom Feb 05, 2012 8:32 am, modificato 1 volta (Motivazione : ampliato il titolo per favorire la ricerca)

martina.g
Nuovo member
Nuovo member

Numero di messaggi : 3
Data d'iscrizione : 07.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Come intervenire didatticamente in caso di diagnosi di "disturbo evolutivo specifico misto"?

Messaggio Da guardian angel il Gio Dic 08, 2011 6:44 am

martina.g ha scritto:
In questi casi, dopo tanti tentativi è corretto ignorarlo lasciando che si sfoghi nelle sue crisi di pianto piuttosto che lasciare che l’abbia vinta lui? Come potrei placare questi momenti di crisi, in cui nonostante i tentativi di farlo ragionare pare proprio non ascoltare?
puoi leggere questa sezione del forum:
http://sostegno.forumattivo.com/f35-strategie-di-intervento
Altro aspetto che mi trova spesso in difficoltà nel gestire, sono i momenti di comunione con i compagni, quando si è soliti fare attività di gruppo tutti insieme in cerchio, i suoi livelli di attenzione sono scarsi e non riesce a stare seduto per molto tempo e cosi si lascia distrarre facilmente sino ad abbondare il gruppo e a vagare per la classe cercando altro da fare e creando anche disturbo agli altri. In questi casi è giusto che si dedichi a qualche altra attività con il mio supporto lontano dal gruppo?
abitualo con gradualità a stare con i compagni in modo adeguato; lo tieni vicino a te? prova a contenerlo, con delicatezza, sedendo insieme a lui e tenendolo tra le tue gambe, in modo che si senta sicuro e protetto; il contatto fisico è importante.. Rolling Eyes
Troppe domande e troppi dubbi scusate ma sono ancora in una fase di assestamento Razz Quali sezioni del forum mi consigliate di approfondire? ho letto sia ciò che concerne il disturbo dell'attenzione e iperattività, sia il disturbo oppositivo provocatorio, mi pare di riconoscere parecchi tratti comuni. Grazie mille e buon lavoro anche a tutti voi Wink
le sezioni mi sembrano quelle giuste per il tuo caso, considerando la diagnosi che è molto generica; probabilmente gli operatori sanitari sono ancora in fase di osservazione e di definizione, in attesa di una diagnosi più specifica.. Rolling Eyes puoi consolidare e approfondire le abilità di base del bambino, per questo leggi qui:
http://sostegno.forumattivo.com/f38-esercizi-per-la-didattica-speciale
avatar
guardian angel
Millenium member
Millenium member

Numero di messaggi : 3720
Data d'iscrizione : 29.09.10
Località : Toscana

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Come intervenire didatticamente in caso di diagnosi di "disturbo evolutivo specifico misto"?

Messaggio Da martina.g il Gio Dic 08, 2011 5:20 pm

Grazie leterbuck sei stat gentilissima, seguirò i tuoi suggerimenti..ho iniziato a leggere i vari link e a recuperare i libri in cui si parla delle varie metodologie di didattica speciale, secondo te in un contesto di scuola dell'infanzia come potrei attuare la metodologia dell'estinzione e del time-out nei momenti di crisi? in realtà in questi giorni ho provato in alcune circostanze ad ignorarlo quando ha avuto crisi violente di pianto e urla per l'ostinazione a volere o fare qualcosa, seppure siano stati comportamenti che non mettevano in pericolo gli altri bambini, tuttavia ciò crea inevitalbilmente un clima di tensione e di confusione in classe, pensi che questo possa avere ripercussioni negative sul gruppo classe? eppure mi sembra al momento la strategia adatta piuttosto che cedere alle sue richieste, che tra l'altro sono continue ed inadeguate, quindi impossibili da accontentare in ogni momento, non sarebbe educativo. Tante volte capita che pianga perchè voglia una data cosa, al rifiuto giustificato sfocia nelle sue consuete crisi e se dopo un po' magari gli si chiede perchè stia piangendo non sa dirti nemmeno il motivo, quindi la crisi sfocia per il senso di frustrazione dovuto al "no", "per adesso non è il momento di..."
Spero di riuscire a fare del mio meglio ed ottenere dei risultati, seppure sia consapevole che il nostro è un lavoro difficile che va fatto senza aspettarsi grossi risultati immediati perchè sono nascosti e saranno rivelati solo da piccoli segni. Grazie ancora

martina.g
Nuovo member
Nuovo member

Numero di messaggi : 3
Data d'iscrizione : 07.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Come intervenire didatticamente in caso di diagnosi di "disturbo evolutivo specifico misto"?

Messaggio Da guardian angel il Gio Dic 08, 2011 8:20 pm

martina.g ha scritto:Grazie leterbuck sei stat gentilissima, seguirò i tuoi suggerimenti..ho iniziato a leggere i vari link e a recuperare i libri in cui si parla delle varie metodologie di didattica speciale, secondo te in un contesto di scuola dell'infanzia come potrei attuare la metodologia dell'estinzione e del time-out nei momenti di crisi? in realtà in questi giorni ho provato in alcune circostanze ad ignorarlo quando ha avuto crisi violente di pianto e urla per l'ostinazione a volere o fare qualcosa, seppure siano stati comportamenti che non mettevano in pericolo gli altri bambini, tuttavia ciò crea inevitalbilmente un clima di tensione e di confusione in classe, pensi che questo possa avere ripercussioni negative sul gruppo classe? ....
Shocked bravissima, la tua riflessione 'a voce alta' non fa una piega.. e si vede che hai .. letto e studiato le discussioni, i consigli, le esperienze, davvero complimenti!! Like a Star @ heaven questo non per autogratificazione, ma perchè è lo scopo del forum.. Rolling Eyes con tanta fatica, giorno per giorno, mettiamo insieme le nostre esperienze, il nostro piccolo sapere e tutto contribuisce a farci conoscere meglio i nostri bambini e a capire come poter intervenire con loro.. per noi che, diciamolo pure.. il nostro lavoro ce lo dobbiamo spesso inventare.. Rolling Eyes
..non preoccuparti della classe, ma tieni presente che la collaborazione dei compagni (e dei colleghi) è preziosa.. puoi spiegare momento per momento a bassa voce quando sarà possibile, che per aiutare il compagno nelle sue difficoltà è meglio non intervenire e.. far finta di niente.. e di seguire il tuo esempio.. Rolling Eyes
quando però il piccolo si sarà calmato è necessario premiarlo (rinforzo positivo): un applauso, la lode, una caramella, un gioco per lui.. 'ignorare' funziona, anche se mi rendo conto che l'applicazione non è facile e che i risultati si hanno a medio termine, diciamo così, non dall'oggi al domani... Rolling Eyes
complimenti ancora, a presto e tienici aggiornati, ciao!! Like a Star @ heaven
avatar
guardian angel
Millenium member
Millenium member

Numero di messaggi : 3720
Data d'iscrizione : 29.09.10
Località : Toscana

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Come intervenire didatticamente in caso di diagnosi di "disturbo evolutivo specifico misto"?

Messaggio Da martina.g il Gio Dic 08, 2011 9:16 pm

Grazie le tue parole mi rincuorano Very Happy allora vi terrò aggiornati e nei momenti di "sconforto" cercherò in voi supporto psicologico Wink a presto e buon lavoro

martina.g
Nuovo member
Nuovo member

Numero di messaggi : 3
Data d'iscrizione : 07.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Come intervenire didatticamente in caso di diagnosi di "disturbo evolutivo specifico misto"?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum